Un team di scienziati della California, o ‘biohackers’ come si autodefiniscono, sostengono di aver scoperto un modo per avere la visione notturna senza l’uso di occhiali speciali. Recentemente hanno condotto un esperimento chiamato scienza per le masse (SFTM), in cui hanno iniettato  negli occhi di un volontario  una speciale soluzione liquida che gli ha dato una visione notturna sovrumana.

zonamorta.it visione notturna

Dopo l’iniezione di questo speciale collirio, il volontario, il ricercatore Gabriel Licina , avrebbe dovuto vedere fino a una distanza di 50 metri nel buio quasi totale per diverse ore, e avrebbe potuto individuare gente che corre tra gli alberi in condizioni di scarsa illuminazione.

La soluzione contiene una sostanza chiamata chlorin e6 (ce6), che si trova in alcuni pesci che vivono in acque profonde.

Ha la proprietà di amplificare la luce, ed è stato utilizzato anche nella ricerca trattamento del cancro. Combinando ce6 con insulina e soluzione salina, la squadra di ricercatori è in grado di produrre una soluzione in grado di migliorare la visione al buio.

night-vision-solution2-550x347

Durante l’esperimento, gli scienziati hanno fatto cadere il liquido con una pipetta sulle sacche congiuntivali degli occhi di Gabriel. Quando la soluzione ha raggiunto la retina gli occhi sono diventati spaventosamente neri, ma poi sono tornati normali.

Per proteggere gli occhi dalla potenziale esposizione ad una luce  troppo intensa, i ricercatori hanno protetto gli occhi con delle lenti nere. Nel giro di un’ora la visione al buio è migliorata. Gabriel è stato condotto in una zona buia con altri soggetti non sottoposti al trattamento ed è stato invitato a riconoscere degli oggetti al buio.

Secondo i ricercatori il soggetto ha riconosciuto vari simboli al buio e ha individuato figure lontane.

“Non è che ‘oh mio Dio ho la super visione!’ E’ come se l’oscurità diventasse più debole, tutto era un po’ più luminoso. Non è come quando c’è la luce del sole ma non ti fa esclamare ‘oh Dio non vedo niente'”.

La vista di Gabriel è tornata normale già il mattino dopo e a distanza di 20 giorni non ci sono stati effetti collaterali.

Per quanto interessante sia l’esperimento i ricercatori hanno sconsigliato di provarlo a casa, visti i possibili effetti tossici della soluzione se non strettamente controllata da esperti.

Sul loro sito, SFTM, hanno descritto la loro missione: “Scienza per le masse è un team di ricercatori indipendenti che vogliono mettere a disposizione dei ‘laici’ strumenti e risorse per una scienza al servizio dei cittadini “.

 

Fonte: Scienza per le masse

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 456 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather