E’ una storia davvero agghiacciante quella che raccontiamo ora, e il documento fotografico, nella sua oggettività, la rende ancora più sinistra.

Rory O’Donoghue è un tecnico specializzato, per oltre 30 anni ha prestato servizio per la linea ferroviaria di Cork, poi all’età di 68 anni, ormai in pensione, decide di rilevare una piccola bottega di fotografia nella periferia di Cork, per soddisfare la sua grande passione per la fotografia.

Il laboratorio era chiuso da anni, l’incuria lo aveva reso inutilizzabile, O’Donoghue lo rimette a nuovo e lo riapre, i clienti ricominciano a fluire chiedendo lo sviluppo dei rullini.

Una storia come tante, fin qui, un pensionato che decide di riaprire un’attività. Ma la storia vera inizia il giorno del ritrovamento del rullino… Nel laboratorio c’è ancora vecchia roba impolverata dei vecchi proprietari, O’Donoghue se ne libera a poco a poco per valutare se ci fosse qualcosa di utile tra le cianfrusaglie, qualcosa di riutilizzabile, così spostando uno scatolone trova questo rullino, una pellicola Agfa. Sul rullino c’è solo un’etichetta su cui è stampata una data: Luglio 1965.

Forse il rullino di una vacanza estiva mai sviluppato per qualche motivo. Una volta O’Donoghue aveva sentito di un tale che aveva portato a sviluppare un rullino e poi era morto, il rullino era stato sviluppato in seguito e nelle foto la sua figura era apparsa sbiadita, colpa della cattiva luce, forse…

Comunque, incuriosito, O’Donoghue decide di sviluppare la pellicola e così si rende conto che quel rullino contiene una solo foto in bianco e nero, semplice e banale: un paesaggio rurale con una vecchia casa al centro.

cottage-fantasma-storie-immaginaria-realtà

 

C’è qualcosa di strano nella foto ma O’Donoghue non la nota subito, è un’impressione fugace, come quando seduto senti di essere osservato, ti volti e non vedi nulla, ma l’impressione ti rimane, qualcosa ai margini estremi del tuo campo visivo. Poi però quando ormai sta per chiudere e andare a casa, riguardando quella foto, nota qualcosa all’estrema destra della casa: una donna. E’ vestita di scuro ed è facile confonderla con le ombre degli alberi ma c’è, una presenza tangibile anche se misteriosa.

O’Donoghue decide di portare a casa la foto, sembra un quadro, pensa di incorniciarla e regalarla alla moglie ma una volta a casa si accorge che la foto è cambiata, la donna si è spostata e striscia verso la casa… pensa di avere le traveggole, allora fotografa la foto per documentare lo spostamento.

figurastesa2

Più tardi ancora sconvolto dalla stranezza della foto la osserva nuovamente… la donna si è ancora spostata, ora striscia lungo il muro della casa… ma non è finita qui, la donna si sposta ancora entra nella casa dalla finestra… O’Donoghue documenta tutto con la sua macchina fotografica… non riesce a crederci, le foto sono però prove tangibili che non sono allucinazioni le sue.

Passa ancora qualche ora e la donna ora è uscita dalla casa, ha in mano un fagotto, un bambino. L’ultima foto agghiacciante documenta l’allontanamento dalla casa della donna con il bambino.

foto-con-donna-che-si-muove-300x190

 

La foto originale campeggia ancora nel salotto di casa O’Donoghue, l’uomo, morto di infarto nel 2004,  ha confidato a pochi amici e ai famigliari quello che ha visto quella notte e che ha documentato con le foto che vedete in questo articolo.

figurastesa3

La storia però non termina qui, dopo la morte del fotografo, il nipote di Rory in gita nel nord dell’Irlanda nota durante una passeggiata nei boschi una costruzione che gli è famigliare… è la strana casa che può osservare in casa del nonno defunto e che tante volte lo ha reso inquieto senza apparente motivo, Rory non sa nulla della storia legata a quella foto ma decide di capire a chi appartenesse per sapere se ci fosse un motivo particolare per cui la foto fosse stata messa nel salotto di casa, così indaga presso gli archivi locali e scopre che la casa era appartenuta alla famiglia Branderville, famiglia il cui ultimo discendente scomparve ancora in fasce in circostanze mai chiarite in una notte del 1912, la madre si tolse la vita poco dopo e il padre uscì di senno e visse nel cottage in completo isolamento…

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 2.052 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather