La leggenda americana del boggy creek

Tra le leggende americane una delle più gettonate è senz’altro quella del bigfoot, nel nostro blog abbiamo riportato alcuni avvistamenti della misteriosa creatura qui e qui, meno conosciuta almeno in Europa è la leggenda del Boggy Creek.

Questa spaventosa creatura si troverebbe, secondo le testimonianze, in Arkansas, nella zona di Fouke.

Questo mostro, conosciuto anche come il Mostro di Fouke, si aggirerebbe da quelle parti dal 1840, anno in cui sarebbe stato avvistato la prima volta. Il Boggy Creek sarebbe alto più di due metri, sarebbe puzzolente e interamente ricoperto di una folta pelliccia, inoltre come il bigfoot sarebbe un bipede. A questo mostro vengono imputate uccisioni di polli, bestiame e cani della zona, ma mai è stato accusato di aggressioni agli esseri umani.

Alla fine degli anni 1860 il Boggy Creek avrebbe molestato due famiglie che vivevano al di fuori di Fouke, e per questo la leggenda si diffuse nel resto d’America.

la leggenda del boogy creek

Nel 1973 su questo mostro leggendario è stato girato un brutto film a basso budget, The Legend of Boggy Creek, girato nello stile di un mockumentary, l’antesignano di film come Cannibal Holocaust di Ruggero Deodato o del celeberrimo The blair witch project.

Nel 1997 ci sono stati più di 40 avvistamenti della creatura  e nel 1998 alcuni  rapporti indicano che la bestia pelosa è stata vista camminare nel letto asciutto di un torrente a circa 5 miglia a sud della città.

Per alcuni anni la città di Fouke ha cercato di ricavare qualcosa da quella leggenda, con negozi di souvenir e segnali in tutta la città della presenza, ora non è più così però. La gente del posto si è probabilmente stancata del racconto e degli improbabili cacciatori di mostri che andavano a importunarli con le loro domande su avvistamenti.

L’ultimo avvistamento del Boggy Creek indica una zona a sud della città presso un ponte sul fiume, qui c’è una lapide che cita la presenza del mostro, l’unico segno tangibile della leggenda rimasta a Fouke.

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 329 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather