La moda delle fotografie post mortem si diffuse verso la fine dell’ottocento con lo sviluppo della fotografia.

fotografia-post-mortem-nina

 

I motivi di questa macabra usanza, per ragioni economiche diffusa soprattutto tra le famiglie più agiate (ai tempi la fotografia era costosa) erano legate a due fattori: la morte era una presenza costante della vita, la mortalità infantile era molto alta e infatti spesso queste foto ritraggono bambini o adolescenti; la fotografia era costosa e non sempre le famiglie avevano provveduto a ritrarre su dagherrotipo il loro parente defunto.

fotografie-post-mortem-3

Da qui nacque questa modalità macabra di ritrarre il defunto, inizialmente il caro estinto, spesso bambini, venivano ritratti da soli, nelle culle o nei letti, come se fossero solo addormentati.

1414490171-2

 

In seguito però cominciarono ad essere fotografati  come vivi tra i vivi, per rendere il ritratto più naturalistico il morto aveva gli occhi aperti ed era appoggiato ad ausili meccanici che gli permettevano una postura adatta al ritratto.

dd67a0cd75fc22a4202e63a0125bc486

I risultati erano oltremodo inquietanti, un brivido corre lungo la schiena vedendo queste fotografie, i morti sono da un’altra parte, c’è solo il corpo, ma è un corpo inanimato e quegli occhi… eppure ai parenti quella fotografia che a noi appare così macabra doveva scaldare il cuore, serbando l’immagine cara del loro defunto. Buona visione…

 

PM004

05_thumb26

zonamorta.it la moda ottocentesca delle foto post mortem

tumblr_mbna5b568V1rhwn24o1_400

zonamorta.it foto post mortem famiglia

fotografie-post-mortem-2

fotografie-post-mortem-4

 

 

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 4.051 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather