Lo Stanley Hotel in Colorado, l’albergo infestato che ha ispirato Stephen King per il suo Overlook Hotel in Shining.

Chi ha visto Shining di Stanley Kubrick ha ben impressa nella mente l’immagine spettrale dell’Overlook Hotel, questo albergo isolato dalla neve nella stagione invernale, con i suoi lunghissimi corridoi e le stanze infestate.

Stephen King si ispirò per la visione di questo albergo ad un hotel nel Colorado, lo Stanley Hotel.

Questo vecchio hotel è stato costruito nei primi anni del 900 da F.O. Stanley, che ha creato il motore a vapore Stanley. Il maestoso hotel in stile georgiano ha aperto i battenti nel 1909, con un sontuoso banchetti per uomini ricchi e celebrità.

FreeLan Oscar Stanley (F.O.) e sua moglie Flora, arrivarono in Colorado nel 1903, il medico di Stanley gli aveva consigliato l’aria fresca di montagna per curarsi dopo aver sofferto di tubercolosi.

I coniugi trascorsero 6 mesi in Estes Park nel periodo estivo in uno chalet. Si innamorarono del territorio e ben presto la salute di Stanley migliorò.
stanley hotel, primi del novecento
Decisero di lasciare il Maine (la regione da cui proviene S.K. e in cui l’autore ambienta tutte le sue storie, tranne Shining, ndr) e di costruire casa in Estes Park.

F.O. Stanley costruì l’hotel su un terreno che fu acquistato dal conte irlandese Lord Dunraven nel 1872.  Il conte aveva costruito un casino di caccia e un hotel su un terreno di circa 6.000 acri ma fu costretto alla fine a lasciare il Colorado per i troppi debiti e le truffe alla gente del posto.

Nel 1906 iniziò la costruzione dello Stanley Hotel. Legno e pietra sono stati ottenuti dalle montagne circostanti e l’hotel è stato costruito in stile architettonico georgiano, che ha conosciuto una rinascita agli inizi del XX secolo. Era un hotel di lusso, fu costruito senza badare a spese. Dotato di acqua corrente, elettricità e telefoni mancava solo di riscaldamento, era stato progettato per rimanere aperto solo nella stagione estiva.

Lo Stanley Hotel ha ospitato illustri ospiti, stelle di Hollywood e naturalmente Stephen King.

L’Hotel è famoso per i tanti fantasmi che infestano le sue numerose stanze e sale.

Il fantasma più famoso è F.O. Stanley stesso che è stato visto più volte nella hall e nella sala del biliardo, la sala che preferiva in vita. I baristi hanno anche testimoniato di averlo visto passeggiare nel bar.

lo stanley hotel, colorad, stephen king, shining

La moglie di Stanley del resto non smette di suonare il pianoforte. Dipendenti e ospiti hanno spesso sentito provenire musica dalla sala da ballo vuota e sbirciando alcuni avrebbero visto i tasti del pianoforte muoversi da soli.

Ci sono diverse camere dell’hotel infestate. Una di queste  è la camera 407,  si dice che sia spesso occupata da Lord Dunraven, il conte che possedeva la terra su cui fu costruito l’Hotel. Secondo quanto riferito, gli piace stare in un angolo della stanza vicino alla porta del bagno. Il volto spettrale di Lord Dunraven apparirebbe spesso alla finestra della stanza.

Nella stanza 418 invece ci sarebbero numerose attività di fantasmi di bambini. Gli addetti alla pulizia riferiscono spesso di aver sentito molti strani rumori dalla stanza vuota. Alcuni ospiti della stanza 418 riferirono di aver sentito dei bambini giocare nel corridoio durante la notte. Lamentandosene con la direzione appresero che era impossibile, dal momento che in quel periodo non c’erano bambini registrati tra gli ospiti dell’Hotel.

Ci sono state anche molte segnalazioni da parte degli ospiti di presenze nelle camere 217 e 401.

Le guide turistiche raccontano la storia del fantasma di un bambino piccolo che è stato visto da molti del personale in diverse aree del vecchio albergo. Anche Stephen King avrebbe visto il bambino, che stava chiamando la sua tata al secondo piano.

Lo Stanley Hotel oggi è aperto tutto l’anno e si trova a Estes Park, Colorado, se volete prenotare una vacanza all’insegna del brivido eccovi il  sito dell’albergo . Ma vi consigliamo di non andarci in inverno e soprattutto… di non entrare nella camera 237, per nessun  motivo.

source: The haunted places in America

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 620 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather