Per la serie religioni bizzarre oggi parliamo della Chiesa del Bacon.

Forse è tautologico associare la parola bizzarro a religione specie se si pensa che alcuni credenti sono convinti che ad esempio un profeta ha permesso al popolo eletto di attraversare il mar rosso dividendo le acque o che il figlio di Dio sceso sulla terra è morto e risorto dopo tre giorni o che mangiare maiale e gamberi porta inevitabilmente all’inferno mentre macellare agnelli e capretti è opera pia… ma la religione che vi presento oggi è bizzarra quantomeno nel nome: Chiesa del Bacon, una chiesa con sede a Las Vegas, ovviamente…

Ma cosa si fonda questo culto ad alto tasso di colesterolo? Semplice, la pancetta è il nostro dio perché la pancetta è reale e poi ha anche un buon sapore. La Chiesa è nata nel 2012 grazie all’ex marine John Witheside e si propone in realtà di difendere gli atei dalla ateofobia.

zonamorta,it religioni bizzarre la chiesa del bacon

 

Il pensiero corre alla Chiesa Pastafariana il cui culto annovera migliaia di fedeli in tutto il mondo, e la cui divinità assomiglia ad un piatto di spaghetti con polpette.

Spiega il fondatore: “Abbiamo dato un nome buffo, bacon, per non dare privilegi alle religioni di essere ridicoli, sostengono ad esempio i cristiani che l’ostia è il corpo di cristo? Allora noi veneriamo il Dio Bacon incarnato nella pancetta”.

La Chiesa di Bacon offre ai suoi membri, gratuitamente, servizi tradizionalmente religiosi come matrimoni, funerali e battesimi, in un contesto non religioso.

Sul loro sito web viene annunciato: “I sacerdoti nella Chiesa Unita di Bacon possono celebrare matrimoni legali per coloro che non vogliono Dio nella loro cerimonia. Porteremo suggerimenti creativi per rendere il vostro matrimonio ancora più magico. “

zonamorta.it religioni bizzarre

Qui trovate il loro sito: chiesa di bacon

L’ultimo dubbio è quale formula usino per chiudere le loro cerimonie, se i pastafariani chiudono i loro sacramenti con “ramen” forse i fedeli del culto della pancetta usano la formula “burp”?

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 437 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather