Negli ultimi otto anni, gli astronomi si sono interrogati su una serie di strani segnali radio provenienti da qualche parte nel cosmo. E ora, il mistero si è infittito.
Un nuovo studio dimostra che stranamente questi segnali radio seguono un modello specifico.

“È molto difficile da spiegare. C’è qualcosa di veramente interessante ma abbiamo bisogno di capire,” ha detto a New Scientist Michael Hipple, uno scienziato che lavoro all’Istituto per l’analisi dei dati a Neukirchen-Vluyn, Germania.

“Questo sarà o nuova fisica, come un nuovo tipo di pulsar, o, alla fine, se siamo in grado di escludere tutto il resto, un ET”.
Segnali Alieni, davvero? Questo potrebbe sembrare assurdo, ma uno scienziato di primo piano nella ricerca di intelligenze extraterrestri (SETI) dice che non dovremmo escludere questa possibilità.

“Queste esplosioni radiofoniche veloci, concettualmente, potrebbero essere sonde che altre civiltà inviano nel cosmo sperando di indurre una risposta in qualsiasi forma di vita intelligente dotata di tecnologia radio,” dice il Dr. Seth Shostak, astronomo senior e direttore del Centro per la Ricerca SETI, non coinvolto nello studio, a The Huffington Post in una e-mail. “D’altra parte, potrebbero anche essere fenomeni astrofisici perfettamente naturali”.

Parkes Radio-Telescope at night

il radio telescopio Parkes

La ricerca ci ha fatto subito venire in mente il bellissimo film di fantascienza Contact, con Jodie Foster, dove una scienziata cercava di intercettare eventuali segnali radio provenienti dallo spazio.

zonamorta.it contact segnali radio dallo spazio

Contact di Robert Zemeckis, 1997

Hippke ha detto che gli impulsi sono generati probabilmente da una fonte non ancora identificata qui sulla Terra che emette onde radio a corta frequenza seguiti da quelli ad alta frequenza – forse qualcosa di semplice come una stazione base di telefoni cellulari. Se questa non è la spiegazione, è possibile che provengano da un nuovo tipo di oggetto cosmico nello spazio profondo.

Qualunque cosa siano questi segnali, stay tuned!

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 250 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather