Se siete preoccupati per l’eccessiva dipendenza da smartphone, allora il nuovo nophone potrebbe essere proprio la cosa che fa al caso vostro.

E ‘il perfetto placebo smartphone – sembra uno smartphone, ma non fa nulla. E’ solo un pezzo di plastica che si può portare in giro come se fosse uno smartphone.

Nophone è attualmente solo un prototipo, costerà solo 12 dollari una volta messo sul mercato. I suoi creatori stanno cercando di raccogliere 30 mila dollari su Kickstarter per coprire i costi di produzione e di commercializzazione. Descrivono il dispositivo come un’alternativa tecnologica che consente di rimanere in contatto con il mondo reale.

NoPhone-550x412

Il designer olandese Ingmar Larsen, che ha contribuito a creare il nophone, ha detto che ha concepito l’idea per scherzo insieme ai suoi amici Van Gould e Ben Langveld.

Con loro grande sorpresa, l’idea però ha ricevuto molte attenzioni online e persone provenienti da tutto il mondo hanno  chiesto dei NoPhones.

Il nophone ha le stesse dimensioni degli smartphone presenti sul mercato. La campagna passo Kickstarter è abbastanza sfacciata ed divertente da leggere – sotto funzionalità, hanno messo cose come ‘non servono batterie’,  ‘infrangibile’ ed ‘impermeabile’.

NoPhone4-550x412

La dipendenza da SmartPhone è reale”, insistono. “Ed è ovunque. Rovina gli appuntamenti. Ti distrae ai concerti. Disturba al cinema. Intasa i marciapiedi. Ora c’è una soluzione reale.

Con un sottile, leggero design completamente wireless, il nophone agisce come un surrogato per qualsiasi dispositivo mobile intelligente, vi permetterà di avere sempre con voi un liscio rettangolo di plastica senza rinunciare ad alcun interazione reale con l’ambiente che vi circonda.  

Se siete interessati a nophone, ma preoccupati per i selfie, non preoccupatevi. I produttori hanno  previsto un upgrade senza costi aggiuntivi – l’adesivo specchio. In questo modo dicono, ci si può godere dei selfies ‘in tempo reale’ con i tuoi amici quando sono in piedi proprio dietro di te. Oh, e non dimenticate di ‘aggiungere un hashtag verbale sincronizzando il cervello e le corde vocali’!

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 114 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather