Situato ai piedi dei Monti Macayo, in Aragona, Spagna, si trova un caratteristico villaggio afflitto da una maledizione così forte che solo il Papa probabilmente potrebbe annullare.

Trasmoz una volta era un insediamento vivace, con una popolazione di circa 10.000 persone, ma oggi i numeri sono impietosi: appena 62 abitanti, di cui solo 30 vivono lì tutto l’anno. Per molti, la caduta di Trasmoz ha molto a che fare con la maledizione che ha lanciato  la Chiesa cattolica secoli fa e con lo stigma associato alla stregoneria. La sua storia è piena di leggende di streghe e riti pagani, e anche le rovine del castello che sorgeva al suo centro, si dice sia stato costruito in una sola notte da un mago chiamato Mutamín. Quante di queste storie sono vere, e quante sono semplici voci diffuse dalla Chiesa per giustificare le sue azioni è lasciato all’interpretazione.

 

trasmoz

 

Lola Ruiz Diaz, la custode del castello di Trasmoz, sostiene che le voci di stregoneria praticate nel paese un tempo prospero sono state diffuse dagli occupanti del castello come  stratagemma. Già nel 13 ° secolo, avevano cominciato a forgiare monete false, e per fare in modo che la gente del posto non indagasse troppo sulla raschiatura costante e martellante, hanno iniziato a raccontare di streghe e maghi, e i rumori che provenivano erano dovute alla forgiatura dei calderoni e delle catene per sollevarli, calderoni che servivano a preparare pozioni. La loro trama ha funzionato, e da quel momento il villaggio di Trasmoz è stato visto come un rifugio per praticare la stregoneria.

Ma questo trucco ha anche dato l’occasione alla Chiesa per vendicarsi. Nel 13 ° secolo, Trasmoz era una fiorente comunità piena di miniere di ferro e d’argento, con riserve di legno e acqua abbondanti. A differenza dei suoi vicini, era anche un insediamento secolare, il che significava che non doveva quote o tasse al vicino monastero di Veruela. Sappiamo che la Chiesa chiude gli occhi su tante cose, ma quando si tratta di quattrini non arretra di un passo.,

Così quando le voci sulle streghe che praticavano riti pagani iniziarono a diffondersi, il vescovo di Veruela colse l’occasione per punire l’intero villaggio chiedendo  all’arcivescovo di Tarazona di scomunicarlo. In questo modo i residenti del villaggio di Tramoz non avrebbero più avuto il permesso di andare a confessarsi o prendere i santi sacramenti della Chiesa Cattolica.

 

Invece di pentirsi – l’unico modo per rimuovere la scomunica – il popolo di Trasmoz continuò la  disputa con il Monastero di Veruela, che quasi si tramutò in guerra aperta quando il monastero deviò l’acqua tagliando fuori Tramoz. Pedro Manuel Ximenez de Urrea, il Signore di Trasmoz, prese le armi contro Veruela, ma prima che iniziassero i combattimenti, la questione fu risolta dal re Ferdinando II che diede ragione a Trasmoz.

La Chiesa non ha mai dimenticato questa sconfitta umiliante, e ha continuato a diffondere le voci di stregoneria praticate in Trasmoz. Nel 1511, l’abate di Veruela – con il permesso esplicito da Papa Giulio II – lanciò una potente maledizione su tutto il paese e i suoi discendenti, cantando il Salmo 108 del Libro dei Salmi, il più potente strumento che la Chiesa possiede per lanciare una maledizione. Dal momento che la maledizione fu lanciata da un Papa solo un altro Papa avrebbe potuto toglierla, fin ad oggi nessun pontefice lo ha fatto e Trasmoz è tutt’ora un paese scomunicato, l’unico villaggio scomunicato della Spagna.

 

Negli anni successivi, Trasmoz cadde in declino. Il castello venne bruciato nel 1520 e rimase in rovina per secoli, e dopo che gli ebrei furono espulsi dalla Spagna nel 15 ° secolo, la popolazione locale diminuì. Oggi la maggior parte delle case hanno bisogno di riparazioni e le strade sono sempre vuote. Non ci sono scuole o negozi.

8223912046_b1624aae28

L’unico aspetto positivo delle leggende di stregoneria associate a Trasmoz è l’impatto che hanno avuto sul turismo. Ogni anno, centinaia di turisti visitano il piccolo insediamento spagnolo per assistere al festival locale dedicato alla stregoneria, e per visitare il piccolo museo sulle streghe istituito nel castello di Trasmoz.

Se ti è piaciuto l'articolo condividi il post sul tuo social network preferito, basta un click su uno dei pulsanti che trovi qui sotto al post, e se ti piace il blog iscriviti alla pagina facebook per restare sempre aggiornato, grazie

(Visited 375 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusby feather